Pellestrina, l'isola felice

Isola più meridionale del comune di Venezia e appartenente alla Municipalità di Lido-Pellestrina (altrimenti detta anche Venezia Litorale), Pellestrina è un’estensione del Lido di Venezia divisa dal Porto di Malmocco, che si prolunga verso sud fino a Chioggia. La peculiarità dell’isola è la sua geografia: Pellestrina è lunga 11km ed è stretta per un massimo di 1,2km e un minimo di 23 metri, più precisamente nella zona che collega il paese di Pellestrina a Ca’ Roman, la località più a sud. Rinomata soprattutto per la produzione di merletti a tombolo, detti ”balon”, Pellestrina è dedita ad attività tipiche della zona lagunare come la pesca, l’agricoltura e la cantieristica navale; negli ultimi anni risulta essere una valida meta dal punto di vista turistico, accogliendo un gran numero di turisti che la percorrono da nord a sud in bici.

Santa Maria del Mare, San Pietro in Volta e Portosecco

Per un itinerario da nord a sud dell’isola, è possibile arrivare alla fermata di Santa Maria del Mare con il traghetto actv linea 11 - Pellestrina-Lido, che prosegue verso sud fermandosi, eventualmente, anche per Pellestrina (paese) e Ca’ Roman (su richiesta). Percorrendo l’unica e principale strada dell’isola, Strada Comunale dei Murazzi, costeggerai al lato sinistro il litorale rivolto verso il Mar Adriatico, e al lato destro la zona abitata. Alle porte della località di San Pietro in Volta troverai la Batteria Marco Polo, un meraviglioso forte austriaco in corso di restauro all’interno di un parco accessibile dalla pista ciclabile, alle spalle di Carrizzada Belvedere, un percorso pedonale che ti porterà al centro della località passando per il piccolo molo e la Chiesa di San Pietro Apostolo, struttura ad una sola navata in stile neoclassico completata nel 1777 e arricchita nella sua semplicità dal marmo, esternamente e internamente. Nei pressi di Portosecco, è presente il Piccolo Museo della Laguna Sud: nato nel 2007 ospita il materiale storico-documentario dell’isola di Pellestrina. Sulla strada lagunare, prima di raggiungere la località di Pellestrina, troverai la Chiesa di Portosecco: un santuario marmoreo incastrato tra le colorate case dell’isola.


Pellestrina

Centro principale dell’omonima isola, Pellestrina è anche la località più abitata e frequentata. Nonostante la scarsa densità e superficie, Pellestrina non manca di osterie, trattorie, caffetterie e punti di ritrovo per i turisti e gli abitanti, nonché di luoghi religiosi. Sono ben quattro i luoghi di culto per i residenti, diventati attrazione turistica per il peculiare stato di conservazione nei quali si trovano. Da nord a sud troverai la piccola Parrocchia di San Pietro Apostolo, la Chiesa di Sant’Antonio, il Santuario della Madonna dell’Apparizione e il Duomo di Ognissanti, tutte rigorosamente rivolte sul corso principale di Pellestrina e quindi all’interno della laguna veneziana, il quale si ricongiungerà con la Strada Comunale dei Murazzi che attraverserà la zona più stretta dell’isola per arrivare alla località più a sud, a pochi metri da Chioggia e Sottomarina: Ca’ Roman.


Ca’ Roman

Ca’ Roman è una località completamente priva di residenti e attrazioni turistiche, ma ospita la Riserva Naturale omonima fornita di un chiosco: un’oasi naturalistica di eccellenza che circonda e conserva un bunker della seconda Guerra Mondiale. L’oasi naturale è salvaguardata dalla LIPU, la Lega Italiana Protezione Uccelli, che ha lo scopo di contrastare l'eliminazione degli uccelli e di conservare la natura mediante l'educazione ambientale e la tutela della biodiversità italiana. Sul lato opposto rivolto verso il Mar Adriatico, troverai l'incontaminata spiaggia lunga circa 1,5km.

L'imponente diga in pietra d'Istria: i Murazzi di Pellestrina

Collegamento pedonale tra la località di Pellestrina e la Riserva Naturale e la spiaggia di Ca' Roman, i murazzi (muràssi o muràsi in veneto) sono un insieme di pietre d'Istria aventi la funzione di diga, costruita dalla Repubblica di Venezia per difendere gli argini della laguna dall'erosione del mare. Nella zona fra le due località, il mare Adriatico e la Laguna di Venezia sono separati praticamente solo da questa diga larga 23 metri. Attraversarli a piedi o in bici è sicuramente l'esperienza più interessante da fare a Pellestrina, un percorso tranquillo e isolato da godersi al tramonto, capace di farti dimenticare addirittura la cognizione del tempo.