Ponte di Rialto e Canal Grande

Uno dei ponti più antichi di Venezia è il Ponte di Rialto. Inizialmente costruito in legno per collegare il Sestiere di San Marco a quello di San Polo attraversando il Canal Grande, successivamente ricostruito in pietra diventando il polo commerciale di Venezia grazie alle botteghe e all’adiacente mercato. Questa zona è molto frequentata, ma assolutamente da vedere. Bellissima la vista panoramica del Canal Grande.

Scala del Bovolo

Presso Palazzo Contarini, in Campo Manin nel Sestiere di San Marco, c’è un gioiello da non perdere. La Scala del Bovolo. Fa parte del palazzo Gotico in cui è contenuta, ha questo nome per la forma particolare della scala “a guscio di lumaca”, in veneziano “bovolo”. Sulla cima della scala c’è un belvedere a cupola da cui si può godere di uno splendido panorama.

Piazza San Marco

A Venezia notoriamente le aree più estese, libere da costruzioni, vengono chiamate “campi”, l’unica area denominata Piazza è Piazza San Marco, il salotto della città. La piazza è nel Sestiere di San Marco e contiene molti importanti monumenti: la Basilica di San Marco con il suo Campanile, il Palazzo Ducale, Le Procuratie Nuove e Vecchie unite dall’Ala Napoleonica che contengono vari Musei, il Palazzo della Zecca, il Ponte dei Sospiri, La Torre dell’Orologio, La Piazzetta dei Leoncini. Tutti posti meravigliosi ed unici.

L’Isola di Murano

L’Isola di Murano si trova nella Laguna di Venezia di fronte alla Fondamenta Nuova oltre l’Isola di San Michele. È famosa per le sue fornaci nella quale vengono prodotti, dai suoi maestri vetrai, oggetti in vetro soffiato che vengono inviati in tutto il mondo. Murano è molto piccola si gira in poche ore. È molto bello vedere come i maestri vetrai soffiano il vetro e conoscere la sua storia visitando il Museo del Vetro di Murano. Molto belle anche le chiese dell’Isola: la Basilica dei Santi Maria e Donato, la Chiesa di Santa Maria degli Angeli e la Chiesa di San Pietro Martire.

Il giro dei Bacari

Il Bacaro è un’osteria dove all’”ombra” di vino si accompagnano degli stuzzichini chiamati “cicchetti”. Nei vari Sestieri se ne possono trovare molti. Sono ambienti rustici, accoglienti, sono dei veri e propri punti di ritrovo in cui passare momenti spensierati immersi nell’atmosfera tipica veneziana, questi luoghi infatti sono frequentati molto dagli abitanti della città, sia i giovani che gli anziani. È possibile fare dei veri e propri tour dei Bacari alla scoperta di queste tipiche osterie.

Perdersi per Venezia

La cosa migliore da fare a Venezia, dopo aver visitato i monumenti più significativi, è sicuramente buttare via la Pianta della città e vagare senza meta. Venezia è una città molto piccola, non c’è alcun pericolo ed è facile ritrovare la strada. Non ci sono autobus, né auto, non ci sono grattacieli, né palazzoni. Non è solo diverso il paesaggio, ma lo sono anche i suoni. Se si va a “naso” potrete scoprire angoli meravigliosi, più vi allontanate dalle mete affollate più potrete godere al meglio la città. Sarà una esperienza senza eguali.

Mercato di Rialto

A Rialto ci furono i primi insediamenti della città di Venezia, questo perché, in quella parte del Canal Grande, l’acqua era più profonda ed era possibile approdare con le navi cariche di merci. Rialto divenne fulcro dell’economia locale e nacque la necessità di collegare le due sponde per facilitare i trasporti. Venne costruito prima il Ponte della Moneta e successivamente l’attuale Ponte di Rialto. Ancora adesso c’è la Pescaria con le tipiche bancherelle del pesce fresco e l’Erbarìa dove è possibile comprare frutta e verdura di stagione e dove si possono gustare antichi sapori veneziani accompagnati dal classico Spritz.

Teatro la Fenice

Il Teatro la Fenice è il principale Teatro lirico di Venezia e uno dei maggiori d’Italia. Situato nel Sestiere di San Marco, in Campo San Fantin è uno dei luoghi più suggestivi del centro storico. Riuscire a partecipare ad uno spettacolo è sicuramente auspicabile, ma nel caso non fosse possibile lo si può visitare in un’ora di tour scoprendo la storia, l’architettura, gli stucchi e gli ori delle sale prestigiose, il Foyer, la Sala Grande, il Palco Reale e le Sale Apollinee.

Il Teatro La Fenice è solo uno dei tanti, meravigliosi teatri di Venezia.

Il giro in gondola

La prima cosa che si osserva, quando si arriva a Venezia, è questa snella imbarcazione con uno strano ferro di prua, che dondola nei canali silenziosa ed elegante. Anche il gondoliere colpisce con la sua classica divisa e con la maestria con la quale guida la sua gondola. Venezia oltre a calli e campielli ha delle altre vie da visitare, queste vie sono i canali. Un giro in gondola, inedito ed affascinante, permette di vedere quest’altra faccia di Venezia, ancora più romantico se ci si fa accompagnare dalle tradizionali melodie.

Visitare Burano e Torcello

L’Isola di Burano si trova nella parte nord della Laguna di Venezia insieme a Mazzorbo e a Torcello. Le sue case colorate sicuramente creano un ambiente mozzafiato, cercate la Casa di Bepi Suà è la più colorata di tutte.
L’Isola è famosa per il tipico Merletto a Tombolo, una tradizione plurisecolare, per i dolci bossolà buranelli. Da visitare il Museo del Merletto e le grandi chiese paleo-cristiane di Santa Maria Assunta e di Santa Fosca. A completare la giornata vale la pena visitare l’Isola di Torcello, una piccola Isola che sembra immersa nel tardo impero romano. Troverete sulla vostra strada il Ponte del Diavolo, il Trono di marmo del Vescovo di Torcello, il Palazzo del Consiglio e dell’Archivio e il Museo di Torcello.