Venezia è una delle mete turistiche più famose ed apprezzate al mondo, ogni anno milioni di visitatori affollano le strette calli per visitare una città inimitabile. Oltre che per i monumenti, i paesaggi e le bellezze architettoniche, Venezia è nota anche per il Carnevale che si svolge annualmente nel capoluogo veneto e che ogni anno è attira più di 70mila curiosi turisti, alcuni dei quali si lasciano andare ad irrispettosi gesti di incuranza e vandalismo.

Il Carnevale è alle porte, i festeggiamenti inizieranno il prossimo sabato 8 febbraio e si protrarranno fino a martedì 25, e a tal proposito abbiamo deciso di stilare una lista di consigli utili che consenta ai visitatori di vivere al meglio l’evento con il massimo rispetto nei confronti dei cittadini veneziani e della delicata città.

Non portare coriandoli di plastica

La gestione dei rifiuti a Venezia è un tema molto complesso e di difficile gestione, i turisti rendono il problema ancora più grave se non rispettano le minime norme previste dal buon senso. Carnevale è sinonimo di festeggiamenti, coriandoli e quindi plastica non degradabile. È doveroso impegnarsi a non gettare i rifiuti nelle acque dei canali che attraversano la città. Quest'anno il Carnevale sarà green e plastic free: un'ordinanza comunale firmata dal sindaco Luigi Brugnaro, ha vietato qualsiasi tipo di coriandoli di plastica o di altri prodotti simili come stelle filanti e spara coriandoli.

Percorri strade alternative

Nei giorni di Carnevale è facile perdersi tra la folla e lasciarsi trasportare da un flusso che cammina molto lentamente tra le vie più conosciute. Prendere strade alternative, magari più lunghe, e talvolta nascoste, può rivelarsi la scelta migliore per attraversare la città più velocemente, non arrivare in ritardo gli eventi gratuiti ai quali si è interessati e godersi il tragitto: questo eviterà ingorghi umani e darà la possibilità ai veneziani di continuare la loro quotidiana vita. Inoltre, durante il tragitto bisogna sempre rispettare la destra per non ostacolare il movimento di coloro i quali non partecipano agli eventi e di chi lavora.

Non infastidire i partecipanti in maschera

Gran parte del fascino del Carnevale di Venezia è dovuto all’usanza di indossare maschere e costumi settecenteschi che rievocano le origini della festa. Presi dall’euforia del momento, non bisogna infastidire i partecipanti in costume o si rischia di rovinare bellissimi vestiti che talvolta sono molto costosi. Siate gentili e accorti.

Non portare armi d'epoca

Durante l'edizione del 2019, un gruppo di turisti è stato denunciato dalle forze dell’ordine perché sono andati in giro con delle vere sciabole d'epoca che erano parte dei loro costumi da soldati prussiani. È severamente vietato portare con sé armi o oggetti atti ad offendere in maniera abusiva, anche se sono parte di un costume storico, il pericolo è dietro l’angolo e le multe sono salate. 

Non imbrattare i muri e monumenti

Il Carnevale è una festa colorata, ma non si deve intendere in senso letterale. Colorare, dipingere, imbrattare i muri e i marmi dei monumenti di Venezia significa oltraggiare secoli di storia e di bellezza che non appartengono solo ai veneziani, ma sono Patrimonio dell’Umanità. E' severamente vietato oltraggiare in qualunque modo monumenti ed edifici della città: è segno di inciviltà e mancanza di educazione e rispetto! 

Non esagerare con gli aperitivi per non arrecare fastidio

Venezia è nota anche per i suoi bacari, piccole "osterie" tipiche nelle quali è possibile assaggiare i cicchetti mentre si sorseggia del buon vino tra le calli. Durante il Carnevale è facile lasciarsi trasportare dai festeggiamenti tra amici e bere qualche bicchiere di troppo. La nostra raccomandazione è quella di divertirsi responsabilmente e non alzare troppo il gomito per evitare di compiere gesti dei quali ci si può pentire, come fare un tuffo nel Canal Grande, che è severamente vietato. Come è vietato fare schiamazzi durante la notte: le calli sono molto strette, urla e comportamenti inopportuno possono arrecare grande disturbo alla quiete dei veneziani.

Rispetta la fila

Durante il Carnevale di Venezia si creano lunghe code per accedere ai servizi della città, ai bagni, ai trasporti e all’interno degli edifici storici, inoltre vengono effettuati numerosi controlli da parte delle forze dell’ordine per garantire la sicurezza di tutti i partecipanti alla festa. Raccomandiamo di rispettare sempre la fila e di non fare i furbi per non creare spiacevoli incomprensioni e rovinare la festa a qualcuno.